Come aprire una casella Pec gratis

Con una casella di Posta elettronica certificata è possibile inviare email che hanno lo stesso valore di una raccomandata. Ecco come aprirne una senza spendere un centesimo!

Chi come noi ha una partita Iva sa benissimo quanta fatica occorre fare tutte le volte che ci si rivolge alla Pubblica Amministrazione: firme, raccomandate, fotocopie e chi più ne ha più ne metta. Per non parlare delle code estenuanti che dobbiamo fare tutte le volte che dobbiamo comunicare a uno sportello.
Fortunatamente, per agevolare le comunicazioni fra cittadino e Pubblica Amministrazione da qualche tempo esiste un servizio: si chiama Pec che significa “posta elettronica certificata“. Cerchiamo di capire meglio di cosa si tratta.

 

Che cosa è la Pec?
La Pec è una casella email speciale che permette di dare a un messaggio di posta elettronica un valore simile a quello di una raccomandata. In pratica permette di mandare delle email certificate direttamente da casa o dall’ufficio senza uscire e perdere ore davanti a uno sportello delle Poste. Detta così sembra davvero una  bella trovata, peccato che ancora adesso molti professionisti non abbiano attivato il servizio. Bene, è arrivato il momento di farlo, tantopiù che collegandosi al sito www.postacertificata.gov.it è possibile aprire una casella completamente gratuita che permette di:

 

  • Richiedere/inviare informazioni alle Pubbliche Amministrazioni
  • Inviare domande/documentazione alle Pubbliche Amministrazioni
  • Ricevere documenti, informazioni, comunicazioni dalle Pubbliche Amministrazioni

Ricordiamoci che questo indirizzo Pec gratuito ha un limite: potremo comunicare unicamente con la Pubblica Amministrazione. Non sarà possibile usarlo per scrivere alle caselle certificate di altre aziende o enti privati.

 

Ecco come si apre una casella di posta elettronica certificata:

 

Colleghiamoci al sito www.postacertificata.gov.it e facciamo clic sulla voce “Richiedila Ora”. Compiliamo i campi che compaiono nella schermata. Per completare tutto ci vorranno all’incirca una quindicina di minuti.

 

Per procedere con la registrazione ci viene richiesto di selezionare uno dei documenti della lista e inserire il numero che lo identifica. Abbiamo scelto di usare la carta d’indentità.

 

Compiliamo tutti i campi che verranno visualizzati facendo molta attenzione a eventuali errori di battitura. Ricordiamoci che stiamo aprendo una casella di posta che ha valore legale. Volendo, possiamo attivare le notifiche di avvenuta ricezione di un messaggio Pec anche sulla nostra email privata.

 

Per aumentare il livello di sicurezza della nostra casella di posta ci viene chiesto di inserire delle domande “di sicurezza”. Si tratta di domande per le quali solo noi conosciamo la risposta e potranno servirci per verificare la nostra identità in caso di smarrimento della password.

 

A questo punto, una schermata ci mostrerà tutti i dati che abbiamo finora inserito per darci la possibilità di confermare o, eventualmente, apportare delle correzioni. Se pensiamo che sia tutto giusto, confermiamo e andiamo avanti.

 

Eccoci all’ultimo passaggio. Ci attende una sopresa: una scritta ci dice che per attivare la Pec dobbiamo recarci presso un Ufficio Postale abilitato. Un sistema automatico ci permette di trovare quello più vicino a casa, ma rimane il fatto che per attivare un servizio elettronico, alla fine siamo costretti a muoverci di persona!

Nuovi contenuti sull’argomento!

Commenti all'articolo

TAG associati: |

Argomenti correlati

Intel Core

Sicurezza

Intel rende più sicura la PEC

A partire dal primo trimestre 2013 chi usa un Ultrabook Intel potrà possibile accedere alla LegalMail di Infocert, il servizio di PEC più diffuso in ...