Aperto il bando online per il prepensionamento, tutte le opzioni disponibili fino al 28 febbraio 2024

È finalmente arrivata la disposizione del ministero dedicato. Ecco cosa bisogna fare per accedere alla pensione anticipata.

Buone notizie per chi ha deciso di andare prima in pensione. È arrivata la nota del Ministero con tutte le disposizioni per fare domanda. Vediamo tutto nei dettagli.

Come andare prima in pensione
Bando online per la pensione anticipata/Lamiapartitaiva.it

Sono tante le persone che ogni anno cercano qualche “via di fuga” per riuscire ad andare in pensione con qualche anno di anticipo rispetto a quanto stabilito dalla legge Fornero. Il Governo Meloni, per il momento, non è riuscito a superare la legge dell’ex ministro del Governo Monti. Anche se andare oltre la Fornero resta uno dei principali obiettivi di legislatura di questo Esecutivo.

Tuttavia, a dispetto di quanto sembrava fino all’ultimo, con la legge di Bilancio 2024, il Governo ha riconfermato tutte le misure di prepensionamento: Quota 41, Quota 103, Ape sociale e Opzione donna. Di recente il Ministero dell’istruzione e del merito presieduto dal ministro Giuseppe Valditara- in quota Lega- ha comunicato ai lavoratori della scuola cosa è necessario fare per accedere alla pensione anticipata nel 2024.

Pensione anticipata nel 2024: ecco come funziona

Ottime notizie per chi vuole accedere alla pensione con qualche anno di anticipo rispetto alla legge Fornero. Dal ministero dell’istruzione sono arrivate tutte le direttive per i lavoratori della scuola. Vediamo cosa bisogna fare.

Il personale scolastico ha tempo fino al 28 febbraio per fare richiesta online di prepensionamento. I lavoratori – in base ai requisiti anagrafici e contributivi raggiunti e all’appartenenza o meno a specifiche categorie- potranno decidere per quale misura di prepensionamento optare tra Quota 41, Quota 103, Ape sociale e Opzione donna.

Requisiti per la pensione anticipata
Chi può accedere alla pensione anticipata/ Lamiapartitaiva.it

Quota 103 è l’unica, tra le misure sopra menzionate, fruibile da tutti. Per fruire di Quota 103 è necessario aver compiuto 62 anni e avere almeno 41 anni di contributi. Si ricorda che, da quest’anno, chi opta per questa misura avrà un assegno previdenziale interamente ricalcolato con il sistema contributivo e non potrà mai superare di 4 volte l’importo del trattamento minimo dell’Inps.

Per beneficiare di Ape sociale è necessario avere almeno 63 anni e 5 mesi di età e almeno 30 anni di contributi ma bisogna rientrare in una delle seguenti categorie: caregiver, disoccupati, addetti ai lavori usuranti o invalidi almeno al 74%.

Stesso discorso per Opzione donna. Possono beneficiare di questa misura le lavoratrici con almeno 61 anni di età e 35 anni di contributi ma solo se appartengono a queste categorie: caregiver, disabili con invalidità pari o superiore al 74%, disoccupate o dipendenti di aziende in crisi.

Anche Quota 41 presenta diverse limitazioni. A questa misura si accede senza limiti di età: è sufficiente aver raggiunto 41 anni di contributi ma almeno uno deve essere stato versato prima di aver compiuto 19 anni. Inoltre, anche per fruire di Quota 41, è necessario essere o caregiver da almeno 6 mesi, o disoccupati o addetti a mansioni gravose o invalidi almeno al 74%.

Impostazioni privacy