Separazione e divorzio fatti contemporaneamente: sembra una rivoluzione, ecco come funziona

Separazione e divorzio, secondo la legge, ora possono essere fatti contemporaneamente con una modalità molto veloce e semplificata.

Uno dei problemi della normativa italiana in merito è sempre stata la tempistica di attesa che i soggetti dovevano attendere prima di vedere ufficializzata la fine del matrimonio. Una nota dolente per quanti, nella maggior parte dei casi, si sono ritrovati nel tempo a mettere fine all’unione non nel modo migliore.

come funziona separazione veloce
Cosa cambia per separazione e divorzio -(lamiapartitaiva.it)

La giurisprudenza non ha aiutato, palesando anche tutta una serie di condizioni che consentivano di far slittare la separazione ufficiale di fronte alla legge. Molte coppie quindi sono state separate per decenni senza mai giungere oggettivamente al divorzio.

Separazione e divorzio veloce: cosa dice ora la legge

La Cassazione ha introdotto, di recente, la possibilità per i coniugi che intendano procedere ad una separazione di fatto e anche dal punto di vista legale, di accedere di fatto ad un procedimento veloce con cui ottenere contemporaneamente sia l’uno che l’altro.

Risulta utile fare chiarezza sulla terminologia poiché, solitamente, si utilizzano questi due termini univocamente ma, di fronte alla legge, non sono da ritenersi la medesima cosa. La separazione è un primo step, che può anche durare a lungo, dove i coniugi prendono una pausa dagli obblighi coniugali. Quindi cessano i doveri relativi previsti dalla legge come ad esempio la coabitazione o la fedeltà. Non è uno scioglimento ufficiale, piuttosto una sospensione che solitamente si attua in vista poi del divorzio vero e proprio. Questo prevede la fine del matrimonio a tutti gli effetti e anche la possibilità di contrarre nuovamente nozze con un’altra persona.

come funziona separazione veloce
Divorzio veloce, cosa cambia – (lamiapartitaiva.it)

Con questa nuova possibilità vengono accorciati i tempi e quindi non bisogna prima procedere alla separazione, poi attendere e quindi finalizzare nel tempo il divorzio passando per pratiche burocratiche lunghe e difficoltose, incontri in tribunale e tantissime peripezie ma, nel giro di un mese, si può accedere e definire l’accordo, ponendo fine al legame.

Il meccanismo nuovo è contenuto nell’articolo 473 bis 49 cpc e introduce, per la prima volta, la domanda cumulativa di separazione e di divorzio. Questo permetterà di risparmiare tempo e denaro ma soprattutto di conferire, in definitiva, maggiore autonomia ai coniugi al termine della loro unione. I divorzi rapidi, diversamente dalla preoccupazione iniziale, non saranno l’esito di decisioni frettolose quanto piuttosto andranno a snellire procedimenti infiniti che sono stati fino ad oggi utilizzati.

Per questo motivo si parla di una vera rivoluzione, se non ci sono particolari problematiche infatti senza andare in tribunale si conclude il tutto in soli 20 giorni, a fronte di anche tre anni che occorrevano prima per poter procedere.

Impostazioni privacy