Smartworking, si cambia ancora: si potrà richiedere, chi può farlo e fino a quando

Ci sono speranze per i lavoratori fragili di poter continuare a lavorare in smartworking anche nel 2024. Si apre lo spiraglio di una proroga.

Scopriamo le ultime novità sullo smartworking. Alcune categorie potranno continuare a svolgere il lavoro agile ma è ancora tutto da confermare.

Smartworking, cosa accadrà nel 2024
Smartworking, cosa accadrà nel 2024 (Lamiapartitaiva.it)

Il 31 dicembre potrebbe essere l’ultimo giorno di smartworking per i lavoratori fragili. Il Governo sembrerebbe stia pensando alla possibilità di una proroga ma occorrono nuove risorse per spostare la scadenza almeno di tre mesi, fino al 31 marzo 2024.

Ad oggi solo i lavoratori del settore privato con figli entro i 14 anni potranno continuare con il lavoro agile fino al mese di marzo 2024. Tutti gli altri dipendenti perderanno il diritto al termine dell’anno in corso se la proroga non verrà confermata. Eppure si parla di persone fragili, i cui rischi di incorrere in peggioramenti della salute aumentano durante la stagione invernale. L’influenza di quest’anno è molto simile al Covid, toglie le energie e provoca febbre molto alta e dolori vari. Sarebbe utile riuscire a continuare a far lavorare in smartworking i lavoratori con patologie almeno fino all’arrivo della primavera.

Verso la proroga dello smartworking per i lavoratori fragili

Ad oggi sono considerati lavoratori fragili coloro che hanno una compromissione della risposta immunitaria, che sono in attesa di trapianto o sono affetti da una patologia oncologica oppure onco-ematologica e sono sottoposti a trattamenti con farmaci immunosoppressivi e mielosoppressivi.

Proroga smartworking, le ultime notizie
Proroga smartworking, le ultime notizie (Lamiapartitaiva.it)

Tra i fragili ci sono anche i dipendenti con tre o più patologie tra la fibrillazione delle arterie, la cardiopatia ischemica, lo scompenso cardiaco, il diabete mellito, l’ictus, la bronco-pneumopatia ostruttiva cronica, l’obesità e l’epatite cronica.

Per tutti questi lavoratori si attende una proroga dello smartworking al 31 marzo 2024. Ricordiamo che la fragilità in alcuni casi dà diritto anche ad un cambio mansione per poter avere accesso al lavoro agile. Non è il caso dei dipendenti con i figli fino a 14 anni. Se la propria mansione non è compatibile con l’attività da remoto non potrà essere cambiata e si dovrà lavorare in sede.

Ricordiamo, poi, che lo smartworking si concede solo se l’altro genitore lavora e non percepisce strumenti di sostegno al reddito. Ad ora la disposizione di eventuale proroga non coinvolge i dipendenti del settore pubblico e i lavoratori con patologie croniche o con connotazioni di gravità certificate. Per questi il lavoro agile terminerà il 31 dicembre ma non è detto che se la proroga verrà confermata non possano essere inseriti insieme alle altre categorie.

Impostazioni privacy