Certificazione Unica (CU) 2024: la scadenza è doppia, le ultime novità

Scopri tutte le sfumature della Certificazione Unica (CU) 2024: una doppia scadenza e le ultime novità che stanno per rivoluzionare le dichiarazioni fiscali.

Scoprite le anticipazioni esclusive sul tanto atteso Modello CU 2024, destinato a rivoluzionare il panorama delle dichiarazioni fiscali per l’anno d’imposta 2023. Sebbene sia ancora in fase di bozza, questo straordinario documento presenta una serie di scadenze che faranno sicuramente parlare di loro.

Dichiarazione redditi novità
CU 2024: Il countdown inizia! Scopri le doppie scadenze e le ultime innovazioni (credit Ansa) – Lamiapartitaiva.it

Le istruzioni ministeriali,  rivelano che alcune date di consegna e invio saranno inaspettatamente sfalsate per alcuni, mentre per altri si sincronizzeranno in un ritmo avvincente. Il Modello CU 2024 si erge come l’epicentro della dichiarazione reddituale per ogni azienda, sia essa pubblica o privata. Questo documento cruciale, da consegnare a collaboratori e lavoratori, è destinato a far luce sulla loro situazione finanziaria.

Dalla certificazione unica (CU), emergeranno i compensi erogati e delle ritenute d’imposta operate durante l’anno d’imposta 2023. La CU 2024, evoluzione della ben nota CUD, sarà il passaporto d’obbligo per ogni contribuente, un documento imprescindibile per delineare il quadro finanziario dell’intero anno.

Le novità del 2024

Ma le novità non finiscono qui. Quest’anno, la Dichiarazione Redditi 2024, frutto dell’anno d’imposta 2023, si presenta con uno straordinario colpo di scena: sarà accessibile anche ai titolari di partita IVA, inclusi le ditte individuali e i professionisti. Una rivoluzione che apre le porte della trasparenza anche per coloro che gestiscono la propria attività imprenditoriale.

Certificazione Unica (CU) 2024
Novità e scadenze della CU 2024 da non perdere – Lamiapartitaiva.it

Le scadenze della CU 2024 (anno d’imposta 2023) aggiungono un tocco di suspense. Il datore di lavoro deve rispettare rigorose tempistiche, che variano a seconda che la CU sia o meno necessaria per la dichiarazione redditi precompilata dei contribuenti. Ricordate bene: è fondamentale consegnare la CU 2024 al vostro collaboratore entro il 16 marzo 2024. Per quanto riguarda l’invio all’Agenzia delle Entrate, avete un po’ di respiro, fino al 31 ottobre 2024, allineandoti alla scadenza del Modello 770/2024.

E c’è un particolare  da annotare: se il 16 marzo 2024 cade di sabato, tranquilli. La scadenza si sposterà al primo giorno lavorativo successivo, ovvero il 18 marzo. Insomma, tenete tutto sotto controllo e aggiungete un tocco di stile alle scadenze fiscali. E se, per caso, il rapporto di lavoro dovesse concludersi nel corso dell’anno, la CU 2024 deve essere rilasciata al lavoratore entro 12 giorni dalla cessazione, garantendo una conclusione a tutto tondo. Insomma, la CU 2024 è molto più di un documento fiscale: è il protagonista di una trama finanziaria, con date cruciali da tenere ben in mente.

Impostazioni privacy