Conti e libretti postali dormienti, come possono recuperare i soldi? C’è un solo modo

Come si fa a recuperare i soldi sui conti e sui libretti postali dormienti? La guida completa che per recuperare le risorse finanziarie.

Recuperare le risorse finanziarie sui ponti sui libretti postali dormienti prima che sia troppo tardi, è possibile. In questa guida troverai tutto quello che devi sapere sull’argomento.

recuperare i soldi sui conti e sui libretti postali dormienti
Conti e sui libretti postali dormienti – Lamiapartitaiva.it

In base a quanto stabilito dalla disciplina italiana un conto corrente o un libretto postale possono diventare dormienti quando non vengono utilizzati per un periodo di almeno dieci anni e il saldo è superiore ad un valore di €100.

Per evitare che questi depositi diventino dormienti è necessario di tanto in tanto effettuare un’operazione in entrata o in uscita. Sezione dovessimo dimenticarcene, e gli strumenti finanziari dovessero diventare dormienti, c’è un metodo da conoscere per recuperare soldi prima che sia troppo tardi.

Conti e libretti postali dormienti: come recuperare soldi prima che sia troppo tardi

In base a quanto stabilito dalla disciplina italiana i conti correnti e libretti postali sui quali non vengono fatti operazioni né in entrata né in uscita per almeno 10 anni possono essere considerati dormienti. Tuttavia il titolare del deposito ha la possibilità di presentare una richiesta alla Consap per recuperare le somme di denaro.

conti e sui libretti postali dormienti
Recuperare soldi prima che sia troppo tardi – Lamiapartitaiva.it

Così facendo anche dopo la scadenza è possibile entrare in possesso delle risorse economiche. Infatti la prescrizione scatta dopo ulteriori 10 anni dalla data di devoluzione delle somme di denaro al fondo. Infatti quando i conti correnti e i libretti postali diventano dormienti, le somme di denaro vengono spostate su un fondo pubblico.

Tuttavia la sentenza della Corte di Cassazione numero 788, del 20 gennaio 2012, ha stabilito che il cliente ha sempre la possibilità di chiedere la restituzione della somma di denaro per i rapporti bancari. In questo caso dunque il tempo trascorso non impedisce al titolare delle somme di denaro di entrarvi nuovamente in possesso.

Diverso è il discorso per i libretti postali che vengono prescritti a favore dell’amministrazione delle Poste. Tuttavia, le poste hanno l’obbligo di informare individualmente i singoli titolari di libretti postali della possibilità che questi diventino dormienti o che cadono in prescrizione. Generalmente Poste italiane comunica queste informazioni tramite la pubblicazione di avvisi nelle agenzie postali o sul sito internet ufficiale.

Se hai un libretto postale dormiente devi recarti all’ufficio postale e chiedere il recupero delle somme di denaro. In alternativa, il titolare di libretto postale ha anche la possibilità di attivarlo nuovamente eseguendo un’operazione.

Impostazioni privacy