Doppio bonus caldaia: quello che scade a dicembre e quello innovativo

Doppio bonus caldaia: approfittate prima che scada. Scoprite l’innovazione che rivoluzionerà il tuo riscaldamento.

Il 2024 si prospetta come l’anno delle rivoluzioni in tema di detrazioni e bonus casa. Soprattutto per quanto riguarda il riscaldamento domestico, le novità sono così entusiasmanti da non poterle ignorare. Se avete in mente di sostituire il vecchio impianto di riscaldamento, il Bonus Caldaia è ciò che fa al caso vostro. Le detrazioni oscillano tra il 50% e il 65%, ma attenzione, perché chi si avvale del Superbonus nel 2024 può arrivare addirittura al 70%. Un risparmio notevole per chi sceglie soluzioni sostenibili e all’avanguardia.

Doppio bonus caldaia
Ecobonus 65%: guida alle detrazioni per un riscaldamento sostenibile – lamiapartitaiva.it

Le regole stanno cambiando, e dal 2024 solo gli impianti a energia pulita avranno diritto agli incentivi. Addio alle caldaie tradizionali. La direttiva UE case green spinge verso il futuro, con l’attenzione puntata sulle pompe di calore e gas rinnovabili.

Ecobonus 65%: come funziona?

L’Ecobonus  offre uno sconto fiscale del 65% senza bisogno di lavori di ristrutturazione. Il nuovo apparecchio di riscaldamento dovrà essere incluso in una classe energetica maggiore, ovvero ad alta efficienza. Sarà obbligatorio però fare riferimento ad un tecnico esperto e abilitato, in grado di certificare la nuova classe energetica conseguita, attraverso un APE – Attestato di Prestazione Energetica.

Bonus caldaia 2024
Il connubio perfetto: Bonus caldaia e Bonus ristrutturazioni – lamiapartitaiva.it

Bonus caldaia con Superbonus Acquisto e installazione delle caldaie non possono essere agevolati, in ogni circostanza, dagli interventi Superbonus 2023. Tuttavia l’interessato può ricevere una detrazione fiscale del 90% (70% dal 2024) laddove questi interventi siano parte integrante di almeno un ‘opera di efficienza energetica trainante. In sostanza, l’installazione della nuova caldaia dovrà consentire, con le altre opere previste nel Superbonus, il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio.

Potete combinare il Bonus Caldaia con il Bonus Ristrutturazioni per massimizzare i vantaggi, ma attenzione alle regole. La detrazione fiscale può arrivare al 50%, con un massimale di 96mila euro. Il bonus caldaia, in combinazione con il bonus ristrutturazione, è un incentivo previsto in caso di acquisto di un impianto di riscaldamento più efficiente nell’ambito di progetti di ristrutturazione, nelle abitazioni o nelle parti comuni degli edifici residenziali. La nuova caldaia dovrà assicurare un risparmio energetico comprovato o dal produttore o dall’installatore. Che stiate optando per pompe di calore o impianti solari, assicuratevi di consultare un tecnico esperto per ottenere la certificazione energetica. Risparmia e passa a soluzioni ad alta efficienza!

Se optate anche per il Bonus Mobili, ricordate che la caldaia deve essere parte di un progetto di recupero del patrimonio edilizio. Ricordate che tra i vari bonus caldaia non c’è cumulabilità.

Impostazioni privacy