Lavoro domestico: marea di multe in arrivo per mancanza comunicazioni obbligatorie, come farle

Per il lavoro domestico potrebbero essere in arrivo importanti multe, in caso di mancata comunicazione obbligatoria.

Grazie alla nuova applicazione INPS mobile è possibile effettuare le comunicazioni obbligatorie per l’assunzione o la cessazione dei rapporti di lavoro domestico. Con la medesima atto si possono inviare anche proroghe e trasformazioni dei contratti di colf e badanti.

multa mancate comunicazioni lavori domestici
Proroghe e trasformazioni dei contratti di colf e badanti – Lamiapartitaiva.it

Per semplificare l’assunzione e la gestione di lavoratori domestici l’INPS ha messo a disposizione un servizio online accessibile sia tramite il sito www.inps.it che tramite App usufruibile sui dispositivi mobile.

Grazie a questo servizio telematico le persone che assumono colf e badanti hanno la possibilità di compiere diverse funzioni come il pagamento di contributi grazie alla notifica dei promemoria. Con l’App INPS mobile è possibile anche effettuare operazioni legate all’assunzione o ad una cessazione dei contratti con le relative comunicazioni obbligatorie.

Lavoro domestico: le mancate comunicazioni obbligatorie fanno fioccare multe

Il datore di lavoro domestico ha l’obbligo di effettuare comunicazioni all’INPS sfruttando i canali telematici messi a disposizione. Grazie ad essi è possibile effettuare comunicazione dell’assunzione del lavoratore domestico entro le 24 ore del giorno antecedente l’inizio del rapporto di lavoro.

multa mancate comunicazioni lavori domestici
Lavoro domestico e obblighi per il datore – Lamiapartitaiva.it

La comunicazione può essere fatta avvalendosi di tre canali:

  • accedendo al sito INPS o all’applicazione mobile
  • avvalendosi dei consulenti e delle associazioni sindacali abilitate
  • tramite il Contact center INPS.

Una volta effettuata la comunicazione all’istituto previdenziale questa è efficacia anche nei confronti dell’INAIL. Ricordiamo che anche l’iscrizione all’INAIL è obbligatoria perché permette di assicurare il lavoratore contro gli infortuni. L’assicurazione contro gli infortuni è sempre obbligatoria anche per i periodi di prova, per il lavoro saltuario discontinuo, quando il lavoratore è già assicurato presso un altro datore di lavoro o per i lavoratori già titolare di pensione.

La legge prevede l’obbligo di effettuare comunicazioni all’INPS anche per le proroghe e le trasformazioni del rapporto di lavoro, ad esempio da tempo determinato a tempo indeterminato. Tramite il portale è possibile anche annullare una denuncia di assunzione, purché questa operazione avvenga entro cinque giorni dalla data di inizio rapporto di lavoro. Puoi accedere ai servizi telematici è necessario utilizzare l’identità digitale spid o la carta nazionale dei servizi, in alternativa è possibile anche usufruire della carta di identità elettronica.

L’inizio di un rapporto di lavoro bisogna comunicare i dati anagrafici e fiscali, allegando una copia del documento di identità, una copia del codice fiscale o permesso di soggiorno. Messa denuncia il datore di lavoro domestico può andare incontro ad una sanzione amministrativa che va da 200 a €500 per ogni lavoratore.

Impostazioni privacy