Legge 104: come ottenere il verbale con handicap grave e sfruttare tutti i benefici

Per ottenere il riconoscimento della Legge 104 bisogna sottoporsi a un preciso iter burocratico. Di quanti passaggi è composto?

La Legge 104/1992 prevede una serie di agevolazioni economiche, fiscali e lavorative per i disabili e i loro familiari, al fine di incrementare l’autonomia e l’integrazione nel tessuto sociale dei soggetti affetti da malattie e menomazioni.

verbale legge 104
Come si ottiene il verbale Legge 104? (lamiapartitaiva.it)

Ma, per l’ottenimento dei vantaggi stabiliti dalla normativa, bisogna prima superare una serie di controlli e accertamenti, volti a dimostrare la reale sussistenza dello status di handicap del richiedente oppure di familiare di un disabile, laddove si intenda accedere ai benefici riservati ai caregivers.

A seconda del grado di handicap riscontrato, verranno riconosciuti differenti benefici (ad esempio, per le prestazioni economiche è necessario il riconoscimento dell’handicap grave).

In linea di massima, il procedimento per l’ottenimento della Legge 104 è costituito da due differenti fasi, ossia:

  • la presentazione all’INPS della domanda di riconoscimento dell’handicap;
  • la successiva richiesta all’Istituto di previdenza e al datore di lavoro, per accedere ai permessi lavorativi e agli altri vantaggi che la Legge 104 riserva ai disabili oppure ai familiari che li assistono.

Nel dettaglio, dopo aver individuato la patologia, bisogna rispettare una precisa procedura amministrativa.

Riconoscimento Legge 104: quale documentazione serve e quanto dura la procedura?

Il primo step per ottenere tutti i benefici fissati dalla Legge 104 è recarsi dal proprio medica di famiglia con la certificazione medica (ad esempio, cartelle cliniche e relazioni mediche specialistiche) che attesta la patologia.

accertamento medico legge 104
Per ottenere la Legge 104 è necessario un accertamento medico (lamiapartitaiva.it)

Il medico, poi, dovrà redigere telematicamente il cd. certificato medico introduttivo e inviarlo all’INPS allegando una breve relazione in cui descrive la diagnosi e le condizioni di salute del richiedente. Il medico dovrà specificare anche l’eventuale incapacità di deambulare autonomamente, senza l’aiuto di un accompagnatore, e di compiere i normali atti quotidiani senza assistenza costante. Il certificato medico introduttivo andrà esibito dinanzi alla Commissione, in sede di visita per l’accertamento dell’handicap.

Dopo l’invio del certificato da parte del medico curante, il paziente dovrà compilare e inviare all’INPS la domanda per il riconoscimento dell’handicap. Questo passaggio può essere effettuato in autonomia oppure avvalendosi dei professionisti di un Patronato. In pratica, i passaggi per il riconoscimento della Legge 104 sono vari e vanno tutti compiuti con cura e attenzione.

Il richiedente dovrà presentarsi a visita medica nel giorno, ora e luogo indicato nell’avviso di convocazione. Al termine dell’accertamento, la Commissione rilascerà un apposito verbale, nel quale specificherà quali sono i benefici a cui si ha diritto. Nel caso in cui venga respinta la richiesta di riconoscimento dell’handicap, sarà possibile presentare ricorso. Per eventuali dubbi o approfondimenti, invitiamo a consultare il sito dell’INPS.

Impostazioni privacy