Pioggia di soldi: ben 30mila euro a fondo perduto per questo settore

Il Governo italiano ha annunciato un’interessante novità che riguarda un settore molto importante per l’economia italiana.

In un panorama economico che continua a presentare sfide sempre più difficili per le aziende, le istituzioni annunciano un’iniziativa che promette un sostegno significativo ad alcune attività molto importanti per il tessuto imprenditoriale italiano. Stiamo parlando di un’impressionante somma di 30.000 euro a fondo perduto, destinata a rivoluzionare il modo in cui queste attività possono crescere e prosperare.

bonus statali disponibili nel 2024
Il Governo ha previsto aiuti finanziari molto importanti per alcune attività – lamiapartitaiva.it

Alla radice di questa opportunità c’è l’impegno del Ministero dell’agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste, che ha recentemente annunciato la pubblicazione di due bandi molto importanti per le attività di ristorazione italiane. Questi segnali di supporto sono stati accolti con molto favore delle piccole e medie imprese colpite dalle tempeste finanziarie degli ultimi anni, ma la domanda che si pongono tutti è sempre la stessa: come si può accedere a queste agevolazioni?

Un’opportunità da non perdere: come partecipare ai bandi

I dettagli, pubblicati dopo una grande attesa sulla Gazzetta Ufficiale l’8 febbraio, svelano che l’incentivo viene erogato per aiutare gli imprenditori a far fronte a due aspetti principali: l’acquisto di attrezzature e l’assunzione di personale attraverso contratti di apprendistato. Questa doppia opportunità mira a iniettare nuova vita e innovazione nel settore, garantendo che le tradizioni culinarie italiane continuino a essere celebrate e rinnovate.

bonus per bar e gelaterie
Bar, gelaterie e ristoranti potranno trarre grande benefici da questa importante misura di sostegno finanziario – lamiapartitaiva.it

A questa “pioggia di soldipotranno accedere i titolari di bar, gelaterie e pasticcerie che sono pronti a dare una svolta alla propria attività. La finestra temporale per presentare le domande va dal primo marzo al 30 aprile. I potenziali beneficiari devono dimostrare la propria eleggibilità attraverso specifici codici Ateco e un impegno a mantenere le nuove attrezzature per un minimo di tre anni. La domanda, come accade ormai nella maggior parte dei casi, va presentata solo telematicamente attraverso il portale dedicato sul sito del Ministero.

La misura è stata finanziata con una dotazione complessiva di 76 milioni di euro, suddivisi tra assunzioni e acquisto di attrezzature. Resta da vedere come verranno effettivamente utilizzate queste risorse, un aspetto per nulla scontato se si guarda alla mala gestione dei fondi avvenuta negli anni scorsi. Questa misura, invece, se sfruttata a dovere potrebbe garantire sia la crescita di numerose realtà di ristorazione italiana, sia contribuire complessivamente alla vitalità economica delle singole comunità, rafforzando l’attrattiva del “Made in Italy“.

Impostazioni privacy