Prescrizione, così non paghi più il bollo auto

Bollo auto: una delle imposte più “odiate”. C’è, però, un momento in cui possiamo non pagarlo: ecco quando scatta la prescrizione

L’obbligo di pagare il bollo auto è da sempre un argomento di dibattito tra automobilisti, politici ed esperti del settore. Questa tassa annuale, che varia in base alla cilindrata del veicolo, ha suscitato diverse opinioni sulla sua efficacia e sulla sua equità nel contesto della fiscalità automobilistica. C’è un caso, però, in cui non lo dobbiamo pagare: ecco quando ci “salva” la prescrizione.

Bollo auto, prescrizione
L’odiata tassa del bollo auto – (lamiapartitaiva.it)

Da un lato, i sostenitori dell’obbligo del bollo auto argomentano che sia fondamentale per finanziare la manutenzione delle infrastrutture stradali e per coprire i costi associati alla gestione del traffico e alla sicurezza stradale. Inoltre, ritengono che il bollo auto possa fungere da deterrente all’utilizzo di veicoli inquinanti e inefficienti dal punto di vista del consumo di carburante, incoraggiando invece l’adozione di mezzi più ecologici.

Dall’altro lato, ci sono coloro che considerano il bollo auto come un ulteriore onere fiscale ingiustificato, soprattutto in un contesto in cui già si pagano diverse altre tasse legate all’automobile, come l’IVA sull’acquisto, l’assicurazione e l’accisa sui carburanti. Alcuni criticano inoltre la modalità di calcolo del bollo, che basandosi esclusivamente sulla cilindrata del veicolo, penalizza chi possiede auto di grossa cilindrata, indipendentemente dal fatto che esse siano efficienti dal punto di vista ambientale o meno.

Bollo auto: quando non si paga grazie alla prescrizione

Da tempo si parla della opportunità di riformare il sistema del bollo auto. Proposte in tal senso includono l’introduzione di tariffe differenziate in base alle emissioni inquinanti del veicolo, l’incentivazione dell’adozione di veicoli elettrici attraverso esenzioni o riduzioni del bollo, e la revisione delle aliquote per renderle più progressive e proporzionate al valore dell’auto.

Bollo auto, prescrizione
Bollo auto: quando interviene la prescrizione – (lamiapartitaiva.it)

Sicuramente, il dibattito sull’obbligo del bollo auto è destinato a continuare, poiché coinvolge questioni cruciali come la mobilità sostenibile, l’equità fiscale e la gestione delle risorse pubbliche. Ma voi automobilisti, voi cittadini, voi contribuenti, sappiate che c’è un momento in cui il bollo auto non va più pagato grazie alla prescrizione. Noi, ovviamente, vi suggeriamo sempre di rimanere in regola con i pagamenti, dato che il mancato pagamento del bollo auto può diventare un costo molto oneroso per l’automobilista: il ritardo nel pagamento del bollo auto fa scattare gli interessi a titolo di mora e il conto può diventare salatissimo.

Allo stesso modo, però, dobbiamo dirvi che, in base alla legge, il bollo auto è una delle imposte che si prescrivono prima. Se, infatti, alcune tasse impiegano cinque o dieci anni per prescriversi, per il bollo auto sono sufficienti tre anni per far intervenire la prescrizione. Ovviamente, non si tratta di un escamotage da furbetti (che non vi consiglieremmo mai), ma di ciò che dice la legge. E, in particolare, la legge 296/06 che all’art. 1, comma 163, stabilisce l’obbligo di notificare la cartella esattoriale per il mancato pagamento del bollo entro il 31 dicembre del terzo anno successivo. Attenzione, però, perché  la prescrizione si interrompe in caso di arrivo di una richiesta di pagamento da parte dell’Agenzia delle Entrate o di Equitalia.

Impostazioni privacy