Pressione fiscale sui contribuenti italiani del 47,4%, le previsioni non sono migliori nel 2024: ecco cosa succederà

Pressione fiscale alle stelle per gli italiani: anche nel 2024 le cifre che arrivano dagli analisti sono impietose

Nel contesto economico attuale, la questione della pressione fiscale sui contribuenti italiani emerge come un tema cruciale e dibattuto. L’aumento delle richieste di risorse per far fronte alle sfide sociali ed economiche ha posto i riflettori sulla sostenibilità della tassazione in Italia. E, purtroppo, anche per il 2024 appena iniziato, le stime degli analisti non lasciano ben sperare.

Pressione fiscale Italia
Preoccupante pressione fiscale in Italia – (lamiapartitaiva.it)

Il sistema fiscale italiano è noto per la sua complessità e varietà di imposte, che spesso colpiscono cittadini e imprese. L’aliquota media dell’IVA, ad esempio, è tra le più elevate in Europa, incidendo sui consumi e la spesa delle famiglie. L’elevata pressione fiscale può limitare la capacità di spesa delle famiglie e scoraggiare gli investimenti delle imprese. Questo può avere conseguenze sulla crescita economica a lungo termine, creando un circolo vizioso di minori entrate fiscali.

Da sempre, la pressione fiscale in Italia rimane al centro del dibattito nazionale. Le decisioni che il governo prenderà nei prossimi anni avranno un impatto significativo sulle tasche dei cittadini e sulla direzione dell’economia italiana. Anche perché le cifre che arrivano per questo 2024 non sono di quelle lusinghiere.

Pressione fiscale in Italia: numeri negativi anche per il 2024

Un dibattito costante riguarda l’equità del sistema fiscale italiano. Alcuni sostengono che sia necessaria una maggiore progressività, mentre altri evidenziano la necessità di ridurre la spesa pubblica per alleggerire il carico fiscale. Nel 2023 i contribuenti italiani fedeli al fisco hanno subito una pressione fiscale reale del 47,4%. E le cifre per il 2024 sembrano essere pressoché identiche, con elementi di ripresa che, quindi, si allontanano.

Pressione fiscale Italia
Pressione fiscale in Italia: numeri negativi anche per il 2024 – (lamiapartitaiva.it)

I numeri arrivano da una delle realtà più autorevoli in tema di economia, l’Ufficio Studi della Cgia, l’Associazione Artigiani e Piccole Imprese di Mestre, che sottolinea come gli italiani siano fiaccati dalla combinazione con l’aumento dei costi delle bollette, della Tari, dei ticket sanitari, dei servizi postali, dei pedaggi autostradali e dei trasporti. Secondo il Ministero dell’Economia, peraltro, l’Irpef dei lavoratori autonomi resta l’imposta maggiormente soggetta a evasione in Italia, con un ammontare di 30 miliardi di euro.

Numeri che dovrebbero spingere la politica ad azioni concrete, per mitigare la pressione fiscale, in modo tale che le tasse vengano pagate con maggiore regolarità. L’affrontare la questione della pressione fiscale in Italia richiede un approccio equilibrato. La ricerca di un giusto equilibrio tra la necessità di finanziare i servizi pubblici e il sostegno all’economia è cruciale per garantire uno sviluppo sostenibile.

Impostazioni privacy