Puoi ricevere 30.000 euro a fondo perduto per la tua attività: ecco i requisiti e come inviare la domanda

Sono in tutto 76 i milioni stanziati dal Governo per questi incentivi a fondo perduto: ecco come fare ad averli.

Negli ultimi tempi, l’attenzione è sempre più focalizzata sugli sforzi necessari per rilanciare le attività commerciali colpite dagli impatti economici globali. In questo contesto, le somme a fondo perduto si presentano come un importante strumento per sostenere imprese e imprenditori nell’affrontare le sfide economiche attuali. Molto interessante, allora, la misura di cui vi parliamo oggi, che prevede un contributo a fondo perduto fino a 30.000 euro. Ecco di cosa si tratta e come aderire.

fondo perduto imprese 2024
Stanziate misure per elargizione di somme a fondo perduto – (lamiapartitaiva.it)

La pandemia da COVID-19 ha lasciato un’impronta indelebile sul panorama economico mondiale, con molte attività commerciali che hanno subito significative perdite finanziarie. In risposta a questa crisi, molti governi hanno introdotto misure di sostegno, tra cui le somme a fondo perduto, al fine di fornire un aiuto immediato e tangibile alle imprese in difficoltà. Misure che poi si sono succedute anche negli anni seguenti al periodo pandemico.

Le somme a fondo perduto rappresentano una forma di sostegno finanziario che non richiede la restituzione. A differenza dei prestiti, queste risorse sono concesse alle imprese senza obbligo di rimborso, alleviando così il peso finanziario a breve termine. Questo meccanismo mira a garantire che le imprese possano coprire le spese operative, mantenere i dipendenti e sopravvivere alle difficoltà economiche senza accumulare ulteriori debiti.

Una delle principali ragioni per cui le somme a fondo perduto sono state adottate su scala globale è la loro capacità di fornire un sostegno rapido ed efficace. Le procedure semplificate per l’accesso a tali fondi consentono alle imprese di ottenere risorse finanziarie in tempi brevi, contribuendo così a preservare la stabilità economica. Inoltre, queste misure promuovono la ripresa economica incoraggiando gli imprenditori a mantenere le loro attività operative. La riduzione del rischio finanziario attraverso l’assenza di obblighi di restituzione facilita la pianificazione a lungo termine e stimola gli investimenti.

Fondo perduto fino a 30.000 euro

Il Governo ha stanziato risorse per 76 milioni di euro, destinate alle aziende della gastronomia e dell’agroalimentare, che potranno avere somme a fondo perduto fino a 30.000. A essere interessati sono le attività di ristorazione con somministrazione, gelaterie e pasticcerie e i produttori di pasticceria fresca.

In particolare, sono due le misure previste: il contributo denominato “Giovani diplomati (risorse complessive per 20 milioni di euro) e il contributo denominato “Macchinari e beni strumentali (risorse complessive per 56 milioni di euro). Il primo è relativo a contratti di apprendistato tra le imprese e i giovani diplomati nei servizi dell’enogastronomia e dell’ospitalità alberghiera.

fondo perduto imprese 2024
Fondo perduto fino a 30.000 euro per queste realtà – (lamiapartitaiva.it)

Il secondo finanzia, invece, l’acquisto di macchinari professionali e di altri beni strumentali durevoli, che devono essere acquistati nuovi di fabbrica, organici e funzionali. Ci sono comunque dei requisiti da soddisfare per poter avere queste somme.

Per la ristorazione, è necessario che l’impresa sia costituita e iscritta come attiva nel Registro delle imprese da almeno 10 anni, oppure che abbia acquistato – nei 12 mesi precedenti la data di pubblicazione del Decreto Ministeriale 21 ottobre 2022 – prodotti certificati DOP, IGP, SQNPI, SQNZ e prodotti biologici per almeno il 25% del totale dei prodotti alimentari acquistati nello stesso periodo. Discorso analogo per gelaterie e pasticcerie. Cambia però la percentuale dei prodotti certificati e biologici. Invece del 25% è richiesto almeno il 5%.

Per ciò che concerne l’acquisto della strumentazione, le spese devono essere interamente sostenute e pagate dall’impresa entro 8 mesi dalla data di concessione delle agevolazioni e i beni strumentali acquistati devono essere mantenuti nello stato patrimoniale dell’impresa per almeno 3 anni dalla data di concessione del contributo. La domanda va presentata a Invitalia tramite l’apposita procedura web a cui si accede con credenziali SPID, CNS, CIE a partire dalle ore 10 del 1° marzo 2024. La procedura si chiuderà alle ore 10 del 30 aprile 2024. Le richieste saranno esaminate in ordine cronologico di presentazione. 

Impostazioni privacy