Il Fisco monitorerà anche i social di professionisti ed imprenditori: così l’Agenzia delle Entrate intensificherà i controlli

L’Agenzia delle Entrate controllerà addirittura i profili social degli imprenditori per potenziare i controlli: i furbi non sfuggiranno.

L’Italia è senza dubbio uno dei paesi europei con più evasori, nell’ultimo anno sono addirittura aumentati del 54%. Secondo le ultime analisi, ci sarebbero ben 300.000 contribuenti italiani che devono elargire al Fisco più di 500.000 euro ciascuno. Ciò significa che lo Stato non riuscirebbe a rintracciare circa 795 miliardi di euro di tasse. E non solo: un contribuente su due dichiara di percepire annualmente una cifra inferiore a 17.800 euro.

l'agenzia delle entrate controllerà i social
Il fisco monitorerà i profili social – lamiapartitaiva.it

Questi dati dimostrano infatti che lo Stato italiano è in realtà fondato sull’evasione fiscale. Ogni anno una parte dei 41 milioni di contribuenti riesce inspiegabilmente a far sparire circa 80-100 miliardi di euro. Per questo motivo, l’Agenzia delle Entrate ha escogitato un nuovo piano per identificare gli evasori.

Social, ecco come il fisco li monitorerà

L’Agenzia delle Entrate ha dichiarato che controllerà addirittura i profili social dei professionisti e degli imprenditori per scovare gli evasori fiscali. Il Viceministro del MEF, Maurizio Leo, ha inoltre aggiunto che l’evasione è paragonabile al terrorismo. Prima di iniziare i vari controlli sui social media occorre ovviamente avere il permesso dal Garante per la Privacy, le due parti interessate hanno perciò avviato i primi colloqui. L’obiettivo principale è quindi quello di controllare il tenore di vita dei contribuenti, analizzando le immagini pubblicate sui propri profili social.

l'agenzia delle entrate controllerà i social
Nuovi controlli social da parte del Fisco – lamiapartitaiva.it

In altre parole, per la prima volta si analizzeranno non solo le attività lavorative svolte dal professionista, ma anche tutte le pubblicazioni che effettuerà sui social. Più specificatamente, quando l’Agenzia delle Entrate scoverà una persona “sospetta” la inserirà nella lista dei contribuenti a rischio evasione.

Tutti coloro che entreranno in questa lista verrano ovviamente tenuti sotto controllo, poiché condurrebbero un tenore di vita non in linea con i guadagni dichiarati. Il 31 gennaio 2024, durante un’audizione, il Viceministro Maurizio Leo ha dichiarato che il governo sta lavorando con l’Agenzia delle Entrate e con il partner tecnologico Sogei, per risolvere tutti i problemi inerenti alla sorveglianza dei profili social.

In modo particolare, si sta cercando di capire come analizzare i dati che non riguardano la vita lavorativa dell’individuo. Ad ogni modo, l’era tecnologica potrebbe fornire un grande aiuto alla lotta contro l’evasione fiscale, ed è per questo che il governo vuole sfruttarla. Bisognerebbe inoltre trovare un modo per velocizzare il lavoro della Guardia di finanza, creando ad esempio dei filtri che selezionino con estrema rapidità gli ipotetici evasori.

Impostazioni privacy