Riscossione AdE con discarica ogni 5 anni, ma il debito rimane: le ultime novità

La riscossione fiscale si trasforma: AdE introduce lo “scarico” dei debiti ogni 5 anni, ma il conto non è chiuso. Scopri le ultime novità.

Un nuovo corso si apre nel panorama della riscossione fiscale italiana con il recente via libera del Consiglio dei Ministri a un ambizioso piano di riorganizzazione. Tre pilastri sostengono questa rivoluzione: le notifiche delle cartelle, lo smaltimento dei ruoli e la flessibilità nei pagamenti. Il tutto mira a garantire una tutela più efficace per i contribuenti.

AdE trasforma la riscossione
AdE implementa discarico periodico dei debiti, ma quali sono le implicazioni? -lamiapartitaiva.it

Partiamo dalle notifiche: ogni anno, l’Agenzia delle Entrate-Riscossione (AdER) sarà tenuta a pianificare con cura le notifiche, assicurando che siano tempestive e che interrompano la prescrizione. Un passo fondamentale per un recupero crediti più efficiente. Questo permette ai contribuenti di essere informati in modo chiaro e tempestivo sui loro obblighi, evitando che si verifichino situazioni di inadempimento involontario.

Ma cosa succede ai debiti accumulati nel tempo?

Una misura innovativa prevede lo scarico automatico” delle cartelle dopo cinque anni dall’affidamento all’agente della riscossione. Questo non significa cancellare il debito, ma piuttosto smettere di perseguirlo attivamente dopo un certo periodo.

Anche i debiti precedenti potrebbero essere oggetto di revisione, con una commissione ad hoc che valuterà retroattivamente possibili soluzioni legislative. Questo approccio porta maggiore chiarezza e certezza per i contribuenti, che non si troveranno più a dover fronteggiare debiti accumulati nel passato senza una data di scadenza definita.

AdE trasforma la riscossione
Rivoluzione fiscale: AdE introduce il discarico dei debiti ogni 5 anni (credit ANSA) -lamiapartitaiva.it

E per chi si trova in difficoltà finanziarie? La nuova rivoluzione nella riscossione fiscale italiana offre questa opportunità, con la possibilità di diluire il pagamento delle cartelle in rate che diventa più agile che mai. Ora, per debiti superiori a 120mila euro, puoi beneficiare di un massimo di 120 rate, aprendo le porte a un sollievo tangibile per chi affronta sfide finanziarie.

Ma le buone notizie non finiscono qui. Per coloro che devono affrontare debiti più consistenti, c’è una soluzione su misura: basta presentare un’istanza documentata per ottenere una rateizzazione adattata alle proprie esigenze. Questo significa che anche le situazioni finanziarie più complesse diventano gestibili, offrendo un respiro di sollievo a chi si trova in difficoltà.

E il meglio deve ancora venire: questo allentamento nei termini di pagamento entrerà gradualmente in vigore nei prossimi anni, offrendo un sollievo a chi si trova in una situazione finanziaria critica. In breve, questa riforma non solo promette un sistema di riscossione più efficiente, ma anche più equo e adattabile alle esigenze dei contribuenti. Un passo importante verso una maggiore trasparenza e tutela nel mondo delle imposte.

Impostazioni privacy